Didjin’Oz Fest 2015 – XIII^ edizione del Festival Internazionale del Didjeridoo

Siamo alle porte di uno degli eventi dell’anno che preferisco. Anche questa volta come da tradizione sarò ospite d’onore, nel senso che sono onorato di partecipare, del più importante evento che parla d’Australia in Italia. Vestirò i panni del custode del Didjin’Oz come mi ha definito Fiorino Fiorino – direttore artistico e Presidente del Festival, e racconterò tra un concerto e l’altro le ultime avventure australiane con un accenno ai libri che scrivo.

Per chi ancora non lo conoscesse il Festival è dedicato alla musica tradizionale australiana, e il didjeridoo – lo strumento aborigeno per eccellenza sarà l’ingrediente principale come ogni anno, quindi la musica e alcuni dei più importanti suonatori e musicisti al mondo di questo strumento.

Ogni anno numerose novità e come da tradizione oltre alla musica ci saranno: arte, fotografia, libri, documentari, workshop e viaggi.

Tra i vari ospiti di questa edizione un nome per eccellenza: David Hudson, indubbiamente uno dei più famosi, se non il più famoso, suonatore di didjeridoo tradizionale aborigeno. David, discendente della tribù dei Ewamiam dei Western Yalanji arriverà direttamente dal Quennsland – Australia e porterà, sono sicuro, oltre alla musica, la sua carica energetica. Non vedo l’ora di conoscerlo e di ascoltarlo dal vivo e stavo pensando anche di fare il workshop di didjeridoo con lui.

David oltre alla tecnica tradizionale ha sperimentato negli anni varie sonorità e ha partecipato a progetti internazionali collaborando con Marlon Brando, Val Kilmer e Neil Joung.

David suona anche le percussioni e la chitarra. Sono davvero curioso di vedere come deciderà di esibirsi. È anche espero di cultura aborigena e terrà anche un workshop sulla cultura e le trazioni aborigeni.

Nicola Pagano l’ho conosciuto diversi anni fa quando entrambi eravamo stati invitati da Turismo Australia come ospiti per la presentazione della nuova edizione di una famosa guida sull’Australia. Nicola si esibirà il sabato e sono davvero felice che partecipi al festival, perché oltre ad essere una bellissima persona, e suonare il didjeridoo alla maniera tradizionale in modo magistrale, ha anche un sacco di cose da raccontare. È un viaggiatore come me, è antropologo ed ha avuto la fortuna di vivere quasi un anno con una comunità aborigena fino ad essere adottato come membro della famiglia e diventare uno di loro. Credo che una parte di questa esperienza Nicola la condividerà con noi al Didin’Oz.

Tra gli altri ospiti internazionali che trovate comunque in programma: Evgeny Tolstykh “Sage” dalla Russia, Tiziano Tenzi italo-argentino, Adéle e Zalem dalla Francia, Ashroom dall’Italia invece.

Sul sito ufficiale del festival trovate la descrizione degli artisti che non ho visto personalmente ma che credo garantiranno uno spettacolo incredibile sotto vari punti di vita…

Tra una chiacchierata e l’altra sul palco potete venirmi a trovare allo stand dove sarò con i tre libri Australia: quando un sogno diventa realtà, La Baia della Luna e No Destination, dove potrò anche darvi informazioni sull’Australia e qualche suggerimento per il vostro viaggio.

Invito davvero tutti a visitare la galleria d’arte che ospiterà tra le varie opere una serie di Bark Paintings – Dipinti su Corteccia – provenienti da Arnhem Land nel Nord Est dell’Australia.

Da ricordare assolutamente la possibilità di vincere due biglietti aerei per l’Australia, messi in palio dalla Cathay Pacific, e tre notti + tre in albergo sempre in Australia, messi in palio invece da Go Australia, acquistando biglietti della lotteria del festival alla modica cifra di due euro.

In questa edizione del tutto speciale come avrete notato nella locandina sopra il festival continua al mare, e al Circolo Velico di Milano Marittima al Canalino si continuerà a parlare di Australia con l’aggiunta di surf, sup, yoga e ancora viaggi

Allora vi aspetto al Didjin’Oz Fest – Il Festival Internazionale del Didjeridoo di Forlimpopoli 2015 e ricordate: The Dreamtime is never ended – Il Tempo del Sogno non finisce mai…

Related Posts