Conoscete la pratica di detox?

 

Il detox

  È chiaro come sempre più anime sentano di migliorare il proprio di Ben-Essere.

Infatti sempre di più sentiamo l’esigenza di cominciare a farci del bene partendo proprio dal tanto amato cibo.

Perché lo chiamiamo Cibo di Guarigione? Semplicemente perché “noi siamo ciò che mangiamo”!

  In questa ricerca di informazioni però, siamo bombardati da talmente tanti input che alla fine, quando crediamo di aver raggiunto delle “verità”, ci rendiamo conto di essere più confusi che mai.

  Di fatto la dieta del food guru ha funzionato all’inizio e poi mi creava disagio. Oppure il piano alimentare del nutrizionista consigliata dal nostro migliore amico non è poi così divertente. Forse potrei continuare a ruota libera. Eppure sappiamo che nel cibo c’è proprio la chiave di volta tanto ambita. Ma dove si trova?

 

Informazioni vs esperienza

  Prima di tutto qualsiasi informazione, anche quelle che sto per condividere sono semplicemente informazioni. Se sperimentate in prima persona, per un tempo prolungato, in tempi diversi dell’anno e della nostra vita fisica ed emotiva, si trasformano in esperienza. Questa esperienza apre le porte della conoscenza, che aiuta anche a espandere la coscienza.

  Quando abbiamo praticato un qualcosa per il tempo adeguato da comprendere affondo cosa stiamo facendo, allora cominciamo a sapere. Questo sapere non ha nulla a che fare con le credenze che all’inizio di un cammino possono muovere i nostri passi. Sebbene quelle informazioni diventano la nostra realtà.

  Ci tengo a condividere come sia in portante in un percorso di consapevolezza alimentare cominciare prima di tutto dal ripulire il nostro organismo. Perché prima di aggiungere altri alimenti  salutari, macrobiotici, vegetariani, vegani, crudisti, palio, ecc, ecc… dovremmo concederci una bella pulizia profonda. Diversamente sarebbe come portare l’auto dal meccanico per il cambio olio, dimenticandoci di fare cambiare il filtro.

  Il nostro corpo funziona allo stesso modo. Quando prima non puliamo gli organi, a poco servirà introdurre cibo di qualità, anche biologico (vero) o biodinamico. Se gli organi quali intestino, fegato,  cistifellea, reni, polmoni, sono mediamente intossicati, a poco servirà un cambio di alimentazione.

  Consiglio a chiunque voglia migliorare il proprio stato di salute di cominciare da una bella purificazione.

 

 La purificazione

  Il detox, = disintossicazione, è una pratica di pulizia profonda ma gentile.

Perché dico questo? Il digiuno terapeutico è la più tecnica più efficace di guarigione esistente, ma non è adatta a tutti. Per quali ragioni? Semplicemente perché un corpo mediamente intossicato, dopo qualche giorno di digiuno, andrebbe incontro a forti crisi.

  Il corpo una volta che ci asteniamo dal cibo inizia a tirare fuori ciò che non serve. Tossine, metalli pesanti, anche emozioni (sì proprio così), cominciano a venire espulsi. Quindi bisogna essere preparati e sapere cosa fare o non fare. Altrimenti una pratica così preziosa può risultare controproducente. Addirittura dannosa.

  Esistono poi diversi tipi di digiuno. Digiuni a secco, ad acqua o a liquidi. Non è mia intenzione spiegare tutto questo in un articolo perché non mi basterebbe un libro. In realtà vorrei semplicemente portarvi a comprendere come funziona il detox.

  Il percorso di detox, è un programma che dura diversi giorni, noi di solito facciamo 5 giorni + 2. Questo periodo serve al nostra organismo per potere fare un’esperienza gentile e profonda allo stesso tempo. Come conseguenza sentiremo talmente tanto beneficio da non vedere l’ora di poter ripetere l’esperienza.

  Quando andrebbe fatto il detox? L’ideale sarebbe 1 o 2 volte l’anno nei cambi di stagione, autunno o primavera. Per dare modo all’organismo di regolare il metabolismo e supportarlo nei cambi stagionali. Il massimo sarebbe imparare queste tecniche quando siamo in uno stato di salute equilibrato. Se non stiamo bene, è necessario farsi accompagnare da qualcuno che abbia una profonda esperienza.

  La finalità del detox è quella di eliminare le tossine in eccesso, ri-equilibrare l’organismo in generale, purificare gli organi principali, recuperare energie, aumentare le difese immunitarie, ritrovare il buon umore e sentirci pieni di vitalità.

succo di carota estratto a freddo succo di sedano per il fegato estratto a freddo

 

La guarigione

  Ovviamente anche guarire. Crediamo che tutte questi aspetti siamo strettamente interconnessi. Non dovremmo dimenticare che il nostro corpo è costantemente in guarigione. Prendiamo esempio dalle ore di sonno. Il corpo a riposo si auto-rigenera. Solo che troppo spesso lo sovraccarichiamo. Perciò non gli diamo il tempo di svolgere il suo lavoro. Un sovraccarico prolungato porta a un disequilibrio, un disagio, in inglese dis-ease, che poi chiamiamo malattia. La malattia per chi ha un approccio olistico, non è qualcosa che ci arriva come sventura, bensì un segnale che il nostro corpo ci sta comunicando. A dire il vero sono un insieme di segnali, che se ignorati portano alla manifestazione di una patologia.

  Quando impariamo ad ascoltare il nostro corpo, ci appaiono sempre più nitidi i messaggi che lui ci invia. Praticando il detox acquisiamo anche maggiore chiarezza. Assieme all’esperienza, queste ampliano la nostra conoscenza.

 

“Che il cibo sia la tua medicina, e che la medicina sia il tuo cibo”.

Cit. Ippocrate

estratto di melograno e mela con spirulina e cocco grattuggiato

 

In pratica

  Come funziona il detox? Ripeto, per spiegarlo a fondo ci vorrebbe un libro intero. In parole semplici, per i giorni che stabiliamo forniamo al nostro organismo estratti di frutta e verdura di stagione. Quindi con l’aggiunta di preparati erboristici e tisane che hanno il compito di aiutare la purificazione che abbiamo innescato. Possono farlo tutti? Ni. Sarebbe meglio come accennato sopra fare dei detox prolungati dopo aver studiato per anni e seguendo dei programmi ben precisi.

Noi accompagniamo anime affini in un percorso divertente e allo stesso tempo formativo ed efficace. Abbiamo creato una programma che abbiamo chiamato Detox for the Light. Un’esperienza che è sia un corso che un ritiro. Così mentre acquisiamo i benefici della pratica, impariamo anche una tecnica che possiamo portarci a casa.

Così con la curiosità, la volontà e l’esperienza scopriamo come ognuno possa diventare talmente bravo e saggio, da sapere cosa fare in qualsiasi condizione di salute. Ovviamente ci vogliono anni di pratiche per potere diventare cintura nera di detox. Però i risultati sono tangibili anche da quando indossiamo la cintura bianca. In altre parole la nostra conoscenza cresce esponenzialmente con la nostra esperienza di purificazione.

  Inoltre chi mi segue da un po’ o chi ha partecipato a uno dei ritiri che proponiamo Grace ed io da anni, sa come in pochissimo tempo si ottengano grandi risultati. Grace, per chi non lo sapesse fa la naturopata ed è specializzata in fito-alimurgia.

  Abbiamo aperto anche una pagina Instagram che lanceremo a breve Soulfood_Cibo di Guarigione.

spirulina biologica italiana preparato detox 

 

 Venite in Marocco?

  Infine cari amici per oggi è tutto. Però prometto di continuare a parlare di questa tecnica stupenda nel prossimo articolo. Di conseguenza vi parlerò dei ritiri detox nel dettaglio. Dopo tanti anni di pratica in Australia, di ritiri in Sardegna e in giro per l’Italia, ci hanno proposto un ritiro detox in Marocco a metà febbraio 2024 e abbiamo accettato. Per informazioni scrivetemi o chiamatemi.

  Cos’altro? Pubblico nel prossimo articolo la presentazione del Detox for the Light a Essaouira in Marocco. Si terrà dal 10 al 16 febbraio 2024.

Detox Retreat Morocco

 

The Juice of Life.

Tutto ciò che facciamo è per il benessere di corpo, mente e spirito.

Winki & Grace